CRYPTO TG
big data Blockchain cybersecurity Industria 4.0 smart city smart energy

Blockchain e Smart City: sicurezza informatica e monetizzazione dei dati


Claudia Costa

Cosa può fare la Blockchain per le Smart City Platform? Secondo la svizzera Paradox Engineering può fare tanto e prosegue nel miglioramento della piattaforma PE Smart Urban Network dedicata alle Open Cities interoperabili integrando soluzioni Blockchain al fine di garantire la massima sicurezza informatica e consentire la monetizzazione dei dati generati dai dispositivi urbani. Vengono inoltre annunciati nuovi componenti per l‘illuminazione intelligente e il parcheggio intelligente. Tutte le nuove funzionalità, comprese quelle che riguardano lo Smart Lighting e lo Smart Parking, sono state presentate in occasione di Smart City Expo, la mostra internazionale sulle città intelligenti di Barcellona.

“L’Internet of Things non riguarda semplicemente il collegamento di dispositivi in ​​una rete aperta e interoperabile: si tratta di informazioni che assumono un valore tangibile a beneficio di tutti, cittadini, imprese e amministratori di città” ha affermato Gianni Minetti, CEO di Paradox Engineering “Sin dalla nascita di PE Smart Urban Network, già nel 2011, e ora come parte del gruppo giapponese MinebeaMitsumi e di uCIFI Alliance, abbiamo sempre immaginato openness e security-by-design. Oggi stiamo facendo un passo avanti integrando Blockchain per la sicurezza informatica e la tokenizzazione dei dati”.

Massima sicurezza informatica e nuovi flussi di business per le città

Con l’integrazione di Blockchain a moduli di sicurezza hardware dedicati sui dispositivi, crittografia ultra affidabile e altre funzionalità, PE Smart Urban Network rende intrinsecamente sicure le procedure operative e di messa in servizio delle infrastrutture urbane intelligenti, consentendo alle città di abbandonare il paradigma convenzionale di “difesa del bastione” per beneficiare della sicurezza-by-design dei sistemi di rete.

La tecnologia Blockchain consente inoltre di monetizzare i dati relativi ai dispositivi urbani come lampioni, parcheggi, cassonetti dei rifiuti, sensori ambientali e altri oggetti urbani, dati che possono essere trasformati in token scambiabili o tradable token: ad esempio, le informazioni che un sensore di parcheggio genera su un lotto di auto libero o occupato possono diventare un token ed essere scambiate per offrire servizi di Smart Parking. In tal modo, i gestori dei parcheggi acquistano token informativi  o info-tokens dalla Città, alimentando le loro attività di servizi; i viaggiatori risparmiano tempo e consumano meno; le città trasformano i loro investimenti in sensori di parcheggio in entrate, beneficiando al contempo di un minore traffico e inquinamento e di una migliore qualità della vita.

PE Smart Urban Network è ulteriormente arricchito dal nuovo Dual Smart Parking Sensor di MinebeaMitsumi, il cui sensore di campo magnetico accoppiato e il sensore radar garantiscono un eccezionale rilevamento del veicolo, e Smart LED Streetlight di MinebeaMitsumi, la lampada LED a risparmio energetico con un nuovo design ottico e un fattore di utilizzo superiore per una maggiore luminosità a basso consumo energetico.

White Paper scelti per voi



Source link

Related posts

La valuta fiat cinese diverrà una criptovaluta, prevede un esperto

cryptotg

MineHub innova la supply chain delle miniere con le soluzioni blockchain di IBM

cryptotg

Come estrarre valore dai processi grazie alla Blockchain

cryptotg

Leave a Comment